Skip to content

Nidi

giugno 27, 2017

Corro nei sogni

Rincorrendo vecchi nidi 

Oasi di pace perse nei meandri del tempo

Cerco momenti di passaggio

in cui i vari nidi si sono rotti

Spazzati via dal vento delle situazioni 

Ne Ricostruisco di nuovi 

Li difendo dalle intemperie 

E torno a perderli

Cerco dentro me

l’unico nido possibile

Che accomuna

 mura camere letti quadri coperte segni 

in un unica poltiglia di frammenti commisti 

Lo trovo 

e mi ci accoccolo 

aspettando che mamma chioccia mi nutra 

Apro il becco nell’attesa del cibo dell’anima 

Poche Briciole d’amore 

Annunci

Live/love music / books /art

giugno 5, 2017

Ascoltando il concerto live in Manchester organizzato da ariana grande per la raccolta fondi in favore delle vittime dell’attentato e per ribadire che la musica e L amore batte il terrore mi sono finita il libro ninfee nere di Michel bussi

Mi e’ piaciuto molto la trama il trucco che non voglio spoilerare e queste descrizioni del paesino francese dove ha vissuto monet e le due ninfee

A volte ritorna

maggio 25, 2017
tags: ,

E cosi come se ne era andata la poesia lieve leggera impercettibile ha cominciato a sussurrare piccole parole

Piccoli tocchi all anima che scuotendo allargavano il respiro

Come vagiti venuti dal nulla

Come lontanissimi eco di emozioni sopite

Non ancora spente

Fiammelle dentro la cenere che ricopre pesantemente il tutto

Fiammelle frammenti schegge che bruciano e inondano di torpore il tempo della morte fredda e glaciale

La poesia addormentata nel silenzio dei giorni non ha gridato non ha urlato non ha riempito incessante straripando e tracimando come un tempo

Ha solo ringraziato gentilmente mentre l’ascoltavo

Sorridere

Quell’accenno di sorriso che fa gioire al mattino senza nessun vero motivo

Poesia che sorride scoprendo di non essere ancora morta del tutto e inonda di un pallido colore il bianco cinereo dell’oggi

Il fustino del dixan

maggio 22, 2017

Ogni mattina passo dal lato fortezza che va al binario 16. Ora da lì partono tutti i pullman di lunga percorrenza .. ci sono i turisti americani o indiani gli studenti che prendono flixbus quelli che aspettano il bus per L aeroporto di Pisa o di Roma o di Bologna ci sono gli albanesi o romeni o altro ..che aspettano un bus che fa  il giro del mondo e li porta a casa…

Questi sono quelli che hanno tanti pacchi colmi di  trapunte o di ‘beni di ‘lusso’ che evidentemente costano troppo dalle loro parti  … regali per i parenti lontani

Stamani uno aveva un forno da incasso !

E incredibilmente molto avevano dei mega fustini Dixan!!

Mi chiedo quanto deve costare il sapone dalle loro parti? Forse il mega fustino era vuoto e pieno di altro?

Ma siccome ne ho visti molti  di questi fustini dixan il dubbio di esportazione illegale e contrabbando di sapone Dixan mi e’venuto.

Mi immagino il viaggio di queste persone che mandano ai parenti rimasti a casa e portano con se di tutto e mi chiedo se comprare su Amazon non fosse più conveniente.

Non ci arriva Amazon ?

Mi immagino ancge in che condizioni arriverà il forno s incasso che non era nella scatola era usato .. forse trovato a qualche cassonetto buttato da italiani spreconi

E così arrivo sopra al binario 16 e trovo invece la fila di turisti stranieri.. rigorosamente in fila.. saranno stati mille che alle 6.30 di mattina comprano un biglietto per un bus turistico che li porta nel Chianti o a vedere la torre di Pisa o a Siena..

E proseguo verso il mio treno fatto di pendolari in giacca e cravatta che  armati di cellulare e iPad vanno verso Milano….

Pursue of happiness

maggio 17, 2017

Ho letto stamani un articolo di psicologia che parla di infelicita’ e dei 

Sette pilastri dell’infelicita’

Cercando di invertire il ragionamento 

La felicità e’ essere aperti a quello che verrà , non preoccuparsi troppo, lasciar correre, non guardare  gli altri, vivere nel presente sognando cose belle per il futuro, concentrarsi su quello che va bene ..

Etcetc

Penso a quella pubblicità di un negozio di elettrodomestici che parlava di

L’ottimismo e’ il sale della vita 

Poi ci vuole anche un po’ di pepe e di olio e la fettunta e’ perfetta

Yet an other journey is starting on this life train!

Palermo

maggio 15, 2017

E come l’Africa ti entra nel cuore.. e si espande e cominci ad amarla pensando di odiarla e un mattoncino dopo l’altro sedimenta un legame un affetto fatto di cose incomprensibili e tutto quello che odiavi ti manca… e vedi sceneggiati in TV con quella luce intensa che riflette sui palazzi chiari la pietra giallina la natura il blu azzurro del mare che spunta dal verde e i palazzi brutti che sembrano costruiti senza senso lo sporco i cassonetti il traffico e pensi che L inciviltà si lega alla civiltà i greci ai fenici e gli arabi di allora a quelli di ora e così senti nel cuore un mal d’Africa che ti avvolge incessante quando tutto questo non lo hai più …

Virtuality 

aprile 20, 2017

La virtual reality Che e’ il mio mondo ovvero il mio telefono come finestra sul mondo e’ un po’ schizofrenica. Le mail che mi avvisano di seminari riunioni urgenti e meeting si accavallano una sul aktrs ma a causa della rottura nelllo spazio tempo che si è verificata due volte in successione nell ultimo anno e mezzo i luoghi dove avvengono questi meeting o questi seminari sono dislocati nello spazio a Boston (mit) a Palermo (unipa) e a Modena (unimore). Ma io dove sono a leggere queste mail? Nella mia cucina di Firenze.

Forse sono scollata dalla realtà o la mia e una realtà alternativa Forse e’normale così

Le mie due migliori amiche con cui chatto quotidianamente che spesso so se hanno pianto o riso o hanno litigato col vicino di ufficio sono una a Palermo (1170 a sud ) e l’altra a trondheim (2712 km a nord)

Gli altri amici sono sparsi per il mondo.

Su Fb e’ più facile che mi commenti un mio amico dalla Corea (che non ho mai incontrato dal vero) o una amica da Trieste ( che ho incontrato dal vero solo una volta) che mia sorella.

E così con questo telefono in mano porto con me ogni giorno il mondo la mia virtuality  e sono meno sola forse o forse .. come dice il Pepi.. anche no