Skip to content

Ultimi libri letti o iniziati

agosto 24, 2016

Il poeta di Gaza  Yishai Sarid

Un delitto da dimenticare – Un’indagine per l’agente Erlendur Sveinsson  Arnaldur Indriđason 

Non mi abbracciare E. Venditti

7.7.2007 A.Manzini

Morte di un ex tappezziere  F. Recami

Contesa per un maialino italianissimo a san salvario  A. Lakhous

Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio A. Lakhous

Divorzio all’islamica a viale Marconi A. Lakhous

L’altro capo del filo A. Camilleri

in lettura

The girl on the train P. Hawkins

Piccola osteria senza parole  M. Cuomo

 

 

 

 

 

Yellow vest

agosto 18, 2016

The irish people wear The Yellow vest anytime ..

Only Yellow not The orange version

They wear it to run to bike to work to walk ..  But mainly biking …

I understand that visibility Is a Great Matter up here…..!!!!

I’ve seen more Yellow vests This week than in my entire life!!!
The public bikes Are electrical and sponsored by coca cola zero!!!

They use it a Lot in Dublin..

Real people.. Going to work…or students going to university

Very efficient

correva l’anno

agosto 8, 2016
tags:

1988

era l’8.8.88 guidavo la a112 bianca di mia mamma col finestrino aperto in fondo a via franciabigio svoltando verso sinistra quando entra una mega vespa e vado a sbattere per non essere punta dalla vespa.. la vespa era un insetto ma l’incidente era vero..

Oggi 8.8. 16… un altro numero strano 8+8=16… ho un ascesso al dente.. e guido la panda bianca verso il dentista..terro il finestrino chiuso

sono passati ben 28 anni… ufff

e allora avevo 28 anni….

tutto qui..

here i am

luglio 27, 2016

Mi è capitato recentemente di leggere qualcosa di quello che ho scritto..Forse perchè sono passati dieci anni da quando cominciai questa avventura.. ho passato gli ultimi anni in silenzio senza molte riflessioni poesie racconti.. la mia amica blogger e collega letizia ha ripreso le sue cose e le ha postate sul blog.. io ho inviato alcuni dei miei libri a persone che non li avevano mai letti.. cambia il modo di fruire la cultura… in questi ultimi anni mi sono dedicata alla tecnologia per i non vedenti ho impiegato molto del mio tempo per la fondazione, a cui ho anche dedicato il mio ultimo sabbatico trascorso all’MIT,  e per la ditta, la startup e ho avuto meno tempo per scrivere, ma anche, forse,  non ho avuto più molte emozioni da condividere, ho semplicemente ho chiuso le sensazioni e le emozioni all’interno, dentro dentro il cuore… Mi è capitato di ricevere ultimamente alcune reazioni che mi hanno fatto riflettere su come gli altri ti osservano.. ti vedono.. ti guardano.. chi sei davvero dietro a quello che gli altri vedono in te.. mi stupisco sempre quando noto la reazione a certi miei atteggiamenti e capisco che posso essere molto ingombrante come mi ha fatto notare mia sorella da sempre, ho cercato spesso allora di nascondermi, farmi da parte, lasciare spazio .. spesso mi chiedo dove porti questo stare zitti questo silenzio questa chiusura.. ma so che come mi vedono gli altri non ha niente a che vedere su come sono io.. a volte mi chiedo se la bambina è cresciuta davvero e torno in quella pineta in bicicletta a pedalare forsennata verso il nulla .. altre volte torno a rinchiudermi nel rifugio, la capanna del bosco e aspetto… altre volte invece corro corro corro… ho fatto molto lavoro su di me.. e ho imparato io donna del fare .. ho imparato a non fare…. una amica di mia sorella mi ha chiesto l’altro giorno perchè alle feste faccio sempre cose e non sto mai ferma.. ecco anima cuoca e anima infermiera che tornano a sorridere… ecco la ragazza che lavorava a montepaldi e che è cresciuta a servire nei corridoi dell accueil…   e andiamo avanti… tra fare e disfare c’e’ di mezzo il mare.. oppure gli appennini..

 

 

Ten years later

giugno 22, 2016

Te la ricordi la cena all Acropolis

Te lo ricordi enrichetto come ride a aspettando il ministro

E noi tutti pensando al film di benigni e il ministro

Il ministro nel Tavolo vicino non arrivo’ ma le nostro risate si

E la Gita a micene

E quel piccolo Albergo Che raggiungevamo con la metropolitana

E quel  progetto sulle women in engineering

Ed io Che scrivevo Che scrivevo romanzi poesie post 

Sono passati dieci anni ..

 Stamani volo verso Atene

 Con il Ricordo Di quel trip con la famiglia norvegese e le amicizie cementate dalle risate

Blu 

giugno 6, 2016

Un odore di fico mi avvolge Acqua gelida che purifica  

Porto con me l’unica pace possibile 

Quella di odori sapori luce suoni cinguettii ginestre papaveri oleandri

Tutti racchiusi in questo profumo 

 blu

Mi immergo nel blu e salto in quell oasi Di pace dove sono me stessa 

tutti I fili racconti 

Nel suo gomitolo 

Stalker e affini

giugno 1, 2016

In questi giorni in cui un ex marito ha ucciso a coltellate la moglie di 31 anni o un ex fidanzato ha bruciato viva la ex fidanzatina di 22 anni vado indietro con la memoria a episodi di stalking, o almeno di quello che io vivevo come stalking…

un ex fidanzato che mi seguiva che mi ritrovavo davanti casa o che mi faceva avere messaggi e lettere in ufficio tramite sue amiche ..e le telefonate..erano i tempi in cui non ci erano i cellulari o  i gps ma ugualmente la privacy era violata .. un altro che in un raptus di gelosia mi fece uno sfregio alla macchina nuova…e le telefonate in ufficio…

penso a una mia amica che si ritrovava un ex ovunque ed essendo un collega se lo ritrovava ad aspettarla persino in ufficio

capisco che per un uomo essere lasciato sia difficile e’ difficile anche per una donna mi ricordo che una mia amica mi accusava di stare attenta a non fare stalkning in un certo periodo

si confonde l’affetto con il possesso e non si capisce appieno la famosa canzone ‘if you love somebody set them free’

nella donna lo stalking e’ legato più alla dipendenza, mentre nell’uomo all’orgoglio ferito? al senso del possesso? o con me o con nessun’altro??

Non lo so ma da questo ad arrivare ad uccidere ci e’ un passo successivo un ulteriore step

Ho sentito dire che la colpa e’ dell’informazione che ne racconta troppe

Io da nonmamma e da antica dico che la colpa e’ di chi non sa educare al rispetto che non sa educare ai no e del consumismo sfrenato che da tutto a tutti

ma forse sono solo canzonette anche queste

La capa del parlamento dice che e’ una questione di educazione di genere e del ruolo della donna

Non lo so che cosa e’.

Non lo so davvero.

E poi si fa presto a dire : vanno  denunciati gli  stalker … e chi ci riesce??

Oppure: ma gli amici e i parenti non si sono accorti di niente???

(si dice anche quando la gente si suicida.. ma no davvero non si sono accorti di niente.??…mai nessuno si accorge di niente??)

Rispettare l’altro e le sue decisioni??

La cosa più difficile da imparare nella vita… forse l’unica cosa che si impara con l’età..o che ci si prova almeno.. se ci si ci riesce non lo so

If you love somebody set them free.. ma si sa che queste sono solo canzonette

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 674 follower