Vai al contenuto

Elba

luglio 17, 2021

Ho avuto così tanti pensieri in questi ultimi giorni che e’ stato difficile tradurli in parole .. la mamma e il babbo sono ovunque .. in ogni sasso muro albero pianta gatto pino.. che e’ come passeggiate con loro

Voglio dimenticare le loro sofferenze l’ospedale di Portoferraio le gambe o il cuore

E gioire con loro affacciandomi alla finestra e guardando il mare

Vi siete goduti questa casa e l’isola

L’avete amata e ci avete trasmesso questo amore

Una delle eredità più belle e’ l’amore per il mare e per l’Elba

Ieri su dalla chiesina di Santo Stefano osservavo il tramonto su Portoferraio con la Corsica in lontananza e .. non avevo timore di nulla..

Avete vissuto una bella vita con l’Elba spesso come fondale

Grazie papà e quelle patate lesse di bambino sulle scale di capo pero

Grazie mamma e il tuo amore per il sole e le bouganville

La gattina

giugno 18, 2021

Oggi come ogni anno e’ venuta a trovarmi la gattina. Non so con chi sta chi L abbia adottata e come faccia a sapere che ci siamo ma quando siamo qui viene a trovarci da tanti anni. La riconosco perché lei conosce la casa e noi. Ha un orecchio un po’ mozzato e ci guarda .. mi guarda e sorride.. non potevo andare via senza darle qualcosa o dirle che mamma non ci era più .. conosceva anche mio papà quindi ha almeno più di dieci anni.. ogni anno le faccio una foto .. perché mi chiedo da dove arrivi.. probabilmente la ha adottata qualcuno che abita in zona .. perché non è magra ..ma lei torna sempre a trovarci .. mamma la chiamava tigratina le dava il latte e qualche scatoletta .. l’ho salutata e le ho sorriso ..anche da parte di mamma

Stanchitudine

maggio 14, 2021

Ci sono giorni

In cui

La stanchezza ti prende dentro

Ti attanaglia

La senti salire dallo stomaco

E piazzarsi vicino al cuore

Sotto il seno

Si piazza la

Come un mostro oscuro

E ti inquina

Ti manda messaggi

Messaggi cupi

Misti a tristezza

Ti inonda del suo non colore

E tutto si dissolve

In Un cupo fluire

La filosofia dell’attack

aprile 28, 2021

Nello smontare casa dei miei e provare a vendere qualche cosa che non possiamo tenere, abbiamo scoperto che il 90 per cento degli oggetti presenti in casa erano rotti

Ora al di la di capire come e’ possibile che tutto sia andato rotto ..

Quello che poi abbiamo scoperto e’ che non veniva buttato nulla e con Santa pazienza mio padre armato di colla vinavil o attack si metteva lì e rincollava

Tutto ogni tazzina statua zuppiera piatto madonna vaso vasetto tutto quello che era rotto era stato rincollato

La roba non ha più valore per metterla in vendita ma per me ha un valore enorme

Perché la filosofia che ci sta dietro e’ che con pazienza e un po’ di attack nella vita si riesce a sistemare tutto e ad andare avanti

Senza drammi

Ogni rottura se accomodabile si può accomodare e niente va buttato

Non so se questa sia stata la chiave della loro felicità

Sono arrivati entrambi a 92 anni e Quando mio padre e’ morto erano stati sposati per 55 anni

Forse la colla e’ la chiave della felicità

Non avrà un valore commerciale tutta questa roba rotta ma sicuramente un insegnamento ce l’ha

Vivere significa farsi male cadere rompersi godere le cose usare le cose e anche romperle

Non guardarle immacolate in una vetrina

E vivere significa anche provare a rincollare i pezzi

Bietole o costine

aprile 1, 2021

Le puoi chiamare come vuoi ma oggi mentre le mondavo per lessarle insieme a degli spinaci freschi e a del cavolo vero mi e’ tornata alla mente la cucina del Francuabigio su e pilu’

E tu che ogni giorno cucinavo un po’ di bietola una carota uno zucchino e del riso e poi ci aggiungevi della carne macinata e questo era il pasto di pilù e di tea e di pepe e di biba

Non mancava mai nel frigorifero un ciuffo di bietola fresca

Erano i tempi in cui non esistevano le crocchette .. il secco come lo chiamano ora al massimo iniziavano le scatolette ma tu preferivi così non che i nostri maltesi mangiassero molto

Ma quello era il pasto cucinato com amore

Ho nelle narici L odore di questo piccolo minestrone canino

Il pentolino bruciacchiato che usavano per cucinarlo

La cucina a L

La terrazza

Il tavolo bianco che si allungava

E loro le canine

Che si sono succedute nel tempo a partire da cherry detta ciro

E tu che presa dall’ansia dicevi ‘dov’è Pilú dov’è Pilú…’

Cara

marzo 27, 2021

Mamma

Ieri Greta si e’ laureata abbiamo fatto tutto qui a casa tua .. prima che sia persa per sempre

Ti sarebbe piaciuta si era messa un tuo lilla di piCche’ riadattato ( cioè la gonna mini )

Nella discussione era molto spigliata anche se prima era agitata

Si era messa sulla fratina con le spalle verso il camino e le tue orchidee vicino

Poi abbiamo fatto un piccolo rinfresco

Ci mancavi a tutti e a un certo punto abbiamo anche fatto un piantino

La Vanna si e’ commossa alla proclamazione Quando ha sentito 110 e lode

Noi quando abbiamo pensato che te non eri con noi

Ora sono qui seduta in terrazzo sulle seggiolone di zia Tilla pensando che forse mi vedi o ieri ci hai visto o comunque noi abbiamo visto te perché eri con noi

La vita scorre una quarta generazione di donne laureate

Ho capito ora che qui questa casa ve la siete goduta tu e babbo con le vostre feste i vostri bridge o burrachi o semplicemente i vostri bei mobili

Poi in fondo come mi dicesti una volta avete avuto entrambi una bella vita lunga 92 anni!

Ora tocca a Greta.. che comincia la sua da adulta e a noi tocca di vivere appieno e di goderci gli anni .. speriamo tanti .. che ci restano

I punti di vista cambiano cosa e’ brutto diventa bello .. e si apprezzano cose diverse

A Greta ho regalato dei soldi che spero spenda per andare in America .. che non faccia cone te che avevi girato il mondo ma non eri mai stata a new york

Stanotte non ho dormito mi son guardata marzullo cone facevi tu.. che parlava di cinema

Un bacio mammina

E’ stata una bella laurea

Dove sei

marzo 25, 2021

Ti cerco tra queste mura tra questi ricordi tra questi mobili

Dove sei

Dove e’ il tuo sorriso la tua arguta intelligenza la tua curiosità la tua voglia di viaggiare il tuo amore per il sole e i climi caldi

Dove sei

Il tuo rinascere lottare provare a sconfiggere per poi arrenderti e lasciarti andare

Dove sei

Il tuo amore per la moda il tuo gusto il tuo comprare mille vestiti che nascondevi e che abbiamo ritrovato anche col cartellino

Dove sei

Mammina mia.. mi manchi tanto sai ..

Erasing

marzo 11, 2021

Smembrare casa pezzo a pezzo e ogni sacco si cancellano un po’

Una operazione dolorosa che chiude la storia la loro storia il loro passaggio

Ogni foglio documento ammennicolo libro soprammobile scelto da loro vissuto rotto rincollato

Una vita di robe rotte rincollate ma godute

Una bella Casa piena di belle cose

Cose che valgono poco o tantissimo a seconda cge si pensi all’affetto o al valore

Cancelliamo ogni giorno e li deponiamo nel cuore

Un funerale infinito che si chiuderà Qusndo la casa sarà vuota e poi venduta

Nel frattempo una sensazione di distruzione di noi stesse insieme a loro

Mondo durante 8

marzo 3, 2021

Sento questa solitudine che mi prende dentro e mi uccide ogni giorno di più. Ho letto molto, ascoltato podcast inutili con consigli che lasciano il tempo che trovano, come direbbe quel tipo con gli occhi spiritati che ogni giorno descrive una nuova parola o detto quotidiano.

Mi prende dallo stomaco e sale, sale incessante colorando la giornata di nero.

Parlano di terza fase, l’Italia si colora nuovamente di rosso, che significa non che diventa comunista, ma che la pandemia avanza inarrestabile con queste nuove varianti.

Mi sono prenotata per il vaccino come tutte  miei colleghi e lo farò a giorni. A noi insegnanti hanno rifilato quello poco buono, quello che garantisce solo il 65%, la ciofeca come l’ha definita una mia collega napoletana. Dopo il vaccino a tutti è venuta la febbre e il vomito. Così per gradire.

Certo il 65% è meglio che lo 0%, ovvero non farlo.

Questa solitudine, la mancanza del mio bambino, la mancanza di quella che ero e non tornerò più si acuisce. La situazione non aiuta.

Non dormo molto bene, ho incubi, case lasciate mille anni fa che tornano a popolare i miei sogni, parenti morti da mille anni che vengono nei miei incubi e mi scuotono. Michelino no non lo sogno mai, dice che si sognano i morti solo dopo che abbiamo superato il lutto. Ma io questo lutto non lo voglio superare.

Anni fa mi ero iscritta a uno di questi siti gratuiti che ti fanno le carte, e mi arrivano sempre letture non richieste, nella speranza che abbocchi e un giorno chiami a pagamento per un consulto.

Stamani mi è arrivata questa:

  Le carte che ho estratto per te mostrano che sei troppo esigente con te stessa. Hai bisogno degli altri per sentirti amata, accettata e stimata. Proprio come l’Imperatrice, che troviamo qui in prima posizione, disponi di un potenziale enorme di cui nemmeno tu sei pienamente cosciente. In questi ultimi giorni, però, pensi molto al tuo avvenire e sembra tu abbia in testa nuovi progetti.   Se ti scrivo di nuovo è perché credo di comprendere i tuoi dubbi e le tue angosce. Sei una persona sensibile, generosa e altruista. Sono tutte qualità umane rare che ti aiuteranno a costruire, giorno dopo giorno, un progetto di vita coerente.   Tuttavia, avverto anche un sentimento di solitudine, accompagnato da dubbi e angosce. Come mostra l’Eremita in seconda posizione, la vita non è sempre stata tenera con te e qualche vecchia ferita non si è ancora rimarginata nella parte più profonda di te. È anche per questo che sono qui: per aiutarti a perseguire i tuoi obiettivi nonostante queste difficoltà. Pensi che le cose possano cambiare nella tua vita? Le ultime carte di questo schema di lettura sembrano rispondere di sì.   La Torre in terza posizione annuncia un grande avanzamento nella tua vita. Durante le prossime settimane, dovresti riuscire finalmente a realizzare ciò che ti sta a cuore. Sul piano personale, questa conquista coincide con la fine dei problemi. In amore, la Torre associata alla Ruota della Fortuna è segno di rinnovamento e di successo. A questo proposito avverto dei sentimenti contraddittori per un uomo che conta molto per te.

Rileggo queste poche parole che arrivano da una sconosciuta che non sa nulla di me e manda parole a caso in cui chiunque si può riconoscere. Ma queste stupide parole tolte a caso da un database, mi sferzano più di mille sedute da uno psicoanalista. Parla di me, mi fotografa come se mi conoscesse davvero. La solitudine, una tristezza grande nel passato, un uomo che conta molto per me. Forse vanno bene per tutti queste parole, perché siamo tutti soli, tutti abbiamo avuto qualche problema nel passato e tutti abbiamo un uomo nel cuore sepolto da stati di nera tristezza.

Lo so. La razionalità mi dice questo. Allo stesso tempo, il bisogno di uscire da questo torpore mi fa sperare in qualcosa di nuovo.

Ma non ho la forza. Penso, se mi vaccino, poi potrò tornare ad uscire, a viaggiare, a prendere un treno.. Anche se in realtà se siamo rossi non possiamo uscire e muoversi se non per comprovate ragioni di lavoro o  salute. Però guardo al vaccino come a una speranza, a una specie di panacea, che risolva tutti i miei problemi.

Non sono riuscita ancora a prenotarmi, ogni volta che provo sul sito leggo posti non disponibili. L’altro giorno un collega mi mando un messaggio alle 9 di sera, ma dormivo già, e quando lo lessi ‘ Anna, ci sono posti mi sono prenotato, vai sul sito ..’ erano già le 11 e quando accesi il portale i posti erano già esauriti. E’ una lotteria anche questa è una lotteria a chi clicca prima, come a dicembre quando dettero il bonus per le bici.. come tutto..

La vita, almeno qui, è una lotteria. E io non vinco mai alle lotterie.

Serena mi direbbe, pensa positivo, se una cosa la vuoi accade, se la affronti con negatività non succederà mai. Non so se credo a queste cose di Serena, ma intanto io non sono ancora vaccinata, sono sola in casa e ho paura ad uscire.

Anni fa vidi un film, che ho riguardato recentemente, Contagion. Dopo che un vaccino fu trovato, lo distribuivano basandosi sull’estrazione a sorte secondo le date di nascita dei cittadini per determinare un ordine di ricezione del vaccino., e chi non era vaccinato era costretto in casa. Una ragazza faceva la maturità in casa, quella scena che mi era sembrata così lontana, la festa in casa, è un anno che è attuale. Ci penso spesso a quel film, l’ho anche rivisto recentemente. Quanti studenti durante quest’anno si sono laureati o maturati da casa. Hanno festeggiato virtualmente. Una scena di un film che inaspettatamente è diventata così reale.

Di quel film mi ricordo anche le fake news, i blog senza senso con notizie a cui tutti andavano dietro. La cura con la forsythia. In questo anno tutto quello che era stato immaginato nel 2012 si è verificato, purtroppo.

Il mondo si è adattato a seguire la sceneggiatura di un film. Avrei preferito avesse seguito Film come Star Trek, ma per quello abbiamo sempre tempo. e almeno non ha seguito The Matrix.

Role models

febbraio 11, 2021
tags:

Today is the international women in science day

My first role models were in my family

My mother .. born in 1929 and graduated in Natural Science in 1955.. teacher o science in high school

And my great aunt .. sestilia Bocelli born in 1902 and graduated in mathematics and phisics in 1925 .. teacher of mathematics in high school

None of the female of my family ( 2 aunt were graduated in Italian literature and law , grandmother and one grand aunt were elementary teachers)

when me and my sister where at university ( medicine and engineer ) my great aunt used to say .. I 30 sono cone ke ciliegie .. una tira L altro .. the top grades (A) are like cherries ..one after another

None in my family full of graduated females and teachers had never discouraged us.. to have a carrier or to choose what we thought was the best for us

Women in science means.. encouraging .. create self esteem .. never discourage dissuade diminish

https://youtu.be/hLa0wxeJlxo