Skip to content

Women work kids and family 

marzo 15, 2017
tags: , ,

Today I woke up around 5.30

Waiting for my 6.53 train I met one of my best old friends

She is an engineer and a manager of s big corporate

She has 200 people under her

We were school mate from elementary school all the way up to the end of engineering

all the way up to the end of engineering

I sat next to her on the train and we had a conversation about career work and children

She had two boys one of them is in a wheelchair because an accident when he was maybe 14 old

She is now working three days in Florence and two in Milan

Thinking about women and Carrier I was calling another friend during another trip to Milan in the afternoon.

She was working since 7 in the morning and she was then running to get her son that was screaming in the car we were talking about a paper we are working

we were talking about a paper we are working together.

I was going to meet another female friend. She is a head of a department and in the Board of directors of a big company, she had a meeting in Torino, and she is coming to Milan to meet one of her female friend that has an event in the evening and then we go back to Tuscany together tonight…

Life is tough and  for a working woman is even harder

But that’s life!!!

walking on past pavements and paths

marzo 2, 2017

Strane sensazioni si affollano nel cuore e nella mente

Ogni angolo mattonella panchina fa riaffiorare nella mente qualcosa…

Passeggio nel campus e salgono emozioni …

Una panchina su cui carezzavo un cane bianco aspettando di andare a vedere le stelle

La mensa dove si rubavano i panini

La panchina davanti a Informatica su cui facevo pausa pranzo tra una lezione e l’altra

E mi scaldavo al sole

Il padrone del garage della moto incontrato per caso vicino a Orleans che mi saluta

Il cameriere del bar dove ho mangiato per anni che mi fa.. non c’era il sooole a Modena?

La stanza della presidenza con le foto dei presidi e i 4 presidi che sono stati miei…

L’aula magna usata anche durante la Med

Il bar dove ho preso il caffe con mamma vicino alla Cattedrale

Il negozio dove abbiamo comprato la Tv

Gli alberi di Kapok.. gli alberi viola di corso Tukory

Persone incontri momenti si accavallano come onde anni vita tutto si mescola e mi investe

Un flusso enorme di pensieri ricordi rimpianti emozioni

Stordita da tutto quello che mi accarezza dal passato..

Cerco di riporlo tutto nella scatola del cuore

Senza che nessuna goccia di questo enorme flusso vada perduto

La laurea dell’ultima classe che ho avuto

Facce di ragazzi che si accavallano su 18 anni di classi che si sono susseguite

Si mescolano fra loro

Si sovrappongono

Incessante il flusso mi investe ancora

Cerco di staccarmi

Come un drone incamero immagini dall’alto

per poi allontanarmi

 

 

 

Death life memory

febbraio 28, 2017

Un giorno di tanti tanti anni fa ero in macchina con mia sorella e in una strada delle colline ci fermammo perché ci era un’ambulanza un ragazzo era caduto con la moto non so la dinamica dell incidente ma mi ricordo che scendemmo dalla macchina perché mia sorella e’ dottore e andò a parlare con i volontari dell’ambulanza E con la giovane dottoressa che era a bordo. Mentre guardavo quel giovane che ancora era in vita e i volontari che gli prestavano soccorso sperai per un attimo che potessero fare qualcosa.. ma sotto i nostri occhi lui che avrà avuto vent’anni se ne andò .. mi e’ tornata tante volte quell’immagine davanti agli occhi .. forse ora quel ragazzo avrebbe avuto l’età che aveva ieri fabo.. forse per questo mi e’ tornato Alla mente ., forse perché anche lui ha finito la sua vita in un incidente ..piansi molto per quel ragazzo di cui non ho mai saputo il nome…e ho pianto anche nel leggere di questo giovane uomo. Milanese Della sua scelta del suo incidente banale nel raccogliere un telefono.. e’ così che la vita sene va per stupidi incidenti o anche se non se ne va .. cambia tutto quello che sei.. in un attimo..non mi permetto di giudicare ne di approvare ne di criticAre.. non ho idee in proposito .. perché non so cosa sceglierei io ed e’ troppo facile scegliere quando non c’è bisogno.. ho assistito in passato ala decisione di staccare la spina ad una persona per me molto importante .. ho assistito al suo cuore che si fermava .. come quello del ragazzo per la strada.. e l’unica reazione che ho in questo caso e’ un immensa tristezza.. immensa… porto con me quel ragazzo insieme a tanti altri .. e .. a tante altre.. e ..

When sci-fi is coming to you

febbraio 23, 2017

Ci sono cose che aspetti da sempre ..

quando da bambina vedevi The Jetsons.. i pronipoti .. e  pensavi che quello era il tuo futuro 

quando con il capitano Kirk volavi da un pianeta all’altro

 quando divoravi tutti i libri di Urania e tutti i film di fantascienza anche quelli degli anni 50 come l’invasione degli ultracorpi 

quando l’uomo calpesto il suolo lunare quando bambina di nove anni guardavi al cielo al futuro con speranza e consapevolezza

Allora aspettavi annunci di speranza come quelli di questi giorni..
Prima ho visto un drone autonomo con a bordo un passeggero una specie di moto volante 

Poi l’annuncio della Nasa su Trappist1 e le sette sorelle .. sette pianeti della grandezza della Terra che potrebbero ospitare la vita o ospitarci noi in un futuro prossimo

E.. così ho pensato.. ecco oggi 22 febbraio 2017 e’ cominciato il futuro.
Era tanto che aspettavo quasi 50 anni ma qualcosa e’arrivato!!

Un anno solo…

febbraio 14, 2017
tags:

Un anno 

Un anno fa ero in California chiudevo il mio sabbatico con una bella settimana a Santa Barbara 

Poi sono tornata ho affittato casa ho fatto trasloco ho comprato lavatrice mi sono stabilizzata pensando al mio futuro palermitano con serenità sapendo che a Palermo non sarei mai diventata ordinario ma che avevo un bel gruppo di amici e collaboratori 

Ho passato dei bei momenti fatto dei giri con mamma con serenità

Ho insegnato il mio corso e conosciuto una bella classe di allievi tutti bravi futuri informatici 

Ho continuato a progettare il futuro coso la cibernetica e a interagire coi colleghi

Poi come un salto quantico nell’iperspazio a  luglio tutto e’cambiato

E così dopo aver vinto il concorso ho fatto a novembre il nuovo trasloco ho lasciato L’appartamento e L’ufficio

E Ora solo in anno dopo mi trovo su treni freccia rossa e interregionali 

Tutto diverso 

E’ un anno solo ma se guardo indietro mi sembrano mille 
Come una frattura spazio temporale 
Come un treno che correva su un binario diverso e su cui sono saltata senza indugio

Il treno 

Back and forth

Ritrovo antiche sensazioni 
Quella laura di 33 anni che andava a Torino 
Quella laura di 20 anni che Andava altrove
Sono venuti a trovarmi molti Queste notti volti che non sono più con me 

Mi accompagnano forse in questo nuovo viaggio.. nuovo capitolo..

Buon San Valentino a tutti !!

MOVIES

gennaio 9, 2017
tags:

Due film che ho visto al cinema nelle vacanze e ultimamente

Lion

recitato molto bene anche il bambino bravo e molto una storia vera della ricerca delle proprie radici di chi siamo davvero senza allontanare chi siamo diventati e perché

Lo and bewold

Un documentario su internet da dove e cominciata e cosa e diventata e cosa sarà raccontando pregi e difetti Mi aspettavo di meglio da herzog ma non male
Mille film su Netflix:

Horrible bosses

Olympus has fallen

He is not just into you

The truth about love

The giver

Blind date

3%

Touch

Limitless

The touch
La serie

Designated survivor

Stranger things

E ho cominciato

Breaking bad

inizio

gennaio 2, 2017

Inizio l anno con una passeggiata in campagna nella strada che va alla casa delle streghe…E’ tutto ghiacciato perché il monte di  Bibione copre il sole e la brina della notte ha ricoperto tutto di bianco.. ci incamminiamo allora in salita verso la villa dei principi corsini, dove nelle vicinanze troviamo una specie di rave party che si prolunga dalla notte (sono le 10 di mattina) .. Frida il cane nuovo di Greta, saltella felice.. ma non si allontana, ha solo paura degli abbaiare degli altri cani, ma sa il comando SEDUTA e risponde bene se la chiamo.. Corre tra  me e R. incessantemente, e si gira sempre a controllare che non mi sono persa e che con il mio passo più lento e zoppicante non li abbandono.In collina il sole è alto e il cielo di quel bell’azzurro che si spiega solo col freddo che avanza.

Arrivati alla villa scendiamo verso di nuovo la valle passando  dal centro maneggio dove ci accolgono i jack russel terrier, ho messo il guinzaglio a Frida, ma lei non abbaia né risponde ai cagnolini.. scendiamo e poi risaliamo ancora.

Il ginocchio si fa sentire e anche l anca.. ma la voglia di camminare tra le viti vicino a Bargino, di riallacciare  le mie radici personalissime, è troppo forte.

Un nuovo anno nuovo davvero è iniziato.