Vai al contenuto

Amicizia e famiglia

aprile 29, 2019

E’ un po’ di tempo che penso senza scrivere .. i pensieri sono così tanti che affollano i sogni e diventano film con una sola spettatrice

Le vite che ho vissuto le persone che ho incontrato i viaggi che ho fatto il mondo che ho visto mi hanno trasformato mi hanno fatto evolvere

Il senso che cercavo di spiegare nei miei podcast non era la nostalgia ma il seme di quello che siamo che pulsa già da ragazzini e si sviluppa nelle scelte successive

Perché facciamo una scelta e non un’altra

Percorsi netti o percorsi tortuosi parole o fatti piccolo microcosmo o grande spazio

Sarei la stessa se non fossi andata alle hawaii o nella Death Valley o a Istanbul più volte?

Sarei la stessa se non avessi incontrato chi è’ entrato nel mio cuore divenendo famiglia in tante parti del mondo

Sarei la stessa se non avessi vissuto a Palermo comprato arance a ballaro’ o camminato sulla spiaggia di mondello o di cefalu’

Sarei la stessa se avessi lavorato a cinquecento metri da casa ?

No, e sono grata per tutti questi viaggi e tutti questi incontri

E sono grata per i primi semi come per gli ultimi fiori

Non ho cambiato il mondo ne’ ho smosso le montagne però una cosa ho cercato di fare sempre ho ascoltato sono stata vicina e ho donato un po’ di amore o almeno ci ho provato

Sulla spiaggia di Santa Barbara con la mia amica Shawn come sul lungomare di Trondheim con Letizia

Sul lungo po di Torino come lungo il fiume Charles di Boston

Questo è quello che pensavo anche l’altra sera ascoltando le parole di un caro amico che parlava col cuore a un gruppo di vecchi compagni di viaggio

Evolvere significa anche accettare i Gi o i Na o i Ne e anche chi è rimasto somewhere else in the world of negativity avere cari amici arcobaleno o mussulmani o atei o quello che gli pare essere liberi di pensarla come si vuole

Una volta mio cugino Andrea mi disse che sperava avessi imparato la lezione di ottimismo da mio padre

Ecco l’ottimismo vince sempre!

e anche la poesia!!!

A Non birthday

febbraio 12, 2020

Last night i dreamt about my friends and family, Munzer, Jinane, Mustafa, Bassam… Maybe my inner thoughts have been about a non birtdhay.

Today is the Non Birthday of my friend Mohammed, passed away 20 years ago, in July. 20 years ago was his last birthday, he was 39.

I try not to think to these past 20 years, it is not the right thought, about us, what we have done, achieved, reached, all of us. An other son, a wedding, a moving to an other world, a new job, a new institute, a new laboratory, a new husband, a new work… and so on.. 20 years is a very long period… We are now all scattered around the world..

Let’s think instead to what we were back then.. a Family a group of Friends very close.

Let’s think to your remission, your strength in fighting the cancer, your smile and your angry mornings, your consciousness about the sickness and your desire to live... to be present for the future of your kids.

Let’s think to your house next to the ocean and the warmth
that enveloped us.

We all miss you.

Feelings

gennaio 20, 2020

Aeroporto stracolmo.. destinazione Austria..

Stessa sensazione di inerzia da primo distacco che svanisce appena varco la security e mi siedo dall’altra parte

Arriva allora la felicità desiderio di andare partire volare

Guardo in giro i volti le persone immagino storie destinazioni sensazioni lavoro piacere ritorno dalle ferie partenza

Viaggiare e lasciare che il flusso torni copioso

Una sensazione di serenità di già visto di casa

E’ una giornata ventosa fredda il sole fa capolino

Parlano in tedesco danno informazioni che non capisco ma non mi interessa .. sto partendo !!

correggendo

gennaio 18, 2020

ho 50 compiti da correggere (ora 18)

mentre son qui che correggo mi dico ce la puoi fare..

e.. ti ricordi quella volta che vennero i tuoi genitori a palermo e la notte in cucina mentre papa’ dormiva sul lettino e la mamma di la’ in camera.. tu sul tavolo correggesti fino alle tre di notte cercando di non disturbare troppo il sonno del babbo.. e lui … a un certo punto si sveglio’ e con amore ti chiese.. ma non hai ancora finito?

e… ti ricordi di quella volta che ne avevi piu di cento da consegnare per il giorno dopo e rimanesti in ufficio con raffaele che correggeva i suoi e poi a una certa ora che erano forse le 4 dormiste li in ufficio sulla scrivania..

e allora ti dici.. ce la puoi fare.. ce la puoi fare….

babbo mi guarderai ancora … credo di si…?

e tu raffaele e il tuo senso del dovere che mi hai appiccicato o meglio che ha risuonato con il mio.. farai ancora le 4 di notte a correggere i compiti su a VENEZIA??

via ce la posso fare ce la posso fare….

Mi chiedo

gennaio 6, 2020

Mi chiedo

Se esisto ancora io

Chi è quell’io perduto nelle nebbie del tempo

La bambina che piangeva il suo guancialino

Ho camminato la vita rincorrendo una nuvola

Non accorgendomi forse dell’oggi

Mi sono chiesta dove quando vorrei tornare

Se per cambiare o per ritrovare

Per ritrovare cerco dentro e rivivo attimi di felicità

Per cambiare non cambierei nulla

Sono tutte dentro di me

la bambina che correva nella pineta

la ragazzina Che amava sciare

la giovane donna che accendeva ceri

la ragazza che pedalava nel Chianti e che nuotava nel Gange

Forse vorrei tornare a una estate coi cani e i miei genitori a una cena del loro anniversario

la vita corre sempre avanti e i ricordi sono solo i nostri mattoncini

Chi sono davvero io

Esisto ancora

o sono morta senza saperlo

2020

Comincia un’altra fase

Al aura

dicembre 31, 2019

Il mio nome in arabo a seconda di come e’ letto significa l’orba

Ho rischiato questa fine dell’anno di diventarlo perché se col distacco che ho avuto si distaccavano anche dei pezzi di retina .. L occhio e la vista andavano un po’ per conto suo..

Posto la lista delle gratitudini del 2019

La lista delle cose di cui essere grata nell’ anno

1) la mamma che si è’ ripresa dalla terribile caduta

2) la gita a Fuerteventura e in particolare con la barca a quell isolotto e la passeggiata e il bagno con mamma e Giuliana

3) un buon hamburger da sola a Glasgow in un pub

4) la pedalata di 320 km in Austria e L eroica di 42 km

5) il compleanno pedalando sul monte calamita con bagno allo stagnone.

6) una colazione coi Dahleh in attesa della partita di basket in un paesino sotto Philadelphia

7) una passeggiata a un lago sopra Trondheim con Letizia

8) un bagno a Cefalù mentre Ilenia era alla comunione con i suoi familiari

9)una cena di compleanno al tramonto a Cecina con Cristina

10) aver ritrovato i compagni di scuola e gli amici del ggu

Books libri letti

dicembre 26, 2019

Libri che ho letto o ascoltato recentemente in grassetto i migliori

Vichi l’anno dei misteri

Dazieri la danza del gorilla

Bussi forse ho sognato troppo

Veronesi il colibrì

Toffa fiorire d’inverno

Ferrante la vita bugiarda degli adulti

Auster 4321

Gruber basta!

Bussi la follia Mazzarino

Fiorio vittoria

Mankell ricordi di un angelo sporco

Foer possiamo salvare il mondo prima di cena

scurati m il figlio del secolo

Markaris il tempo dell’ipocrisia

De Giovanni Sara al tramonto

Eriksson scomparsi

Recami turisti innamorati a Firenze

Camilleri il cuoco dell’alcyon

Carofiglio le tre del mattino

Follett nel bianco

Camilleri i tacchini non ringraziano

Scalia sabbia nera

Stassi la lettrice scomparsa

Scalia la logica della lampara

Camilleri kn123

Child destinazione inferno

Schnall le ragazze di New York

Child the midnight line

Lackeberg la gabbia dorata

Destonbes i gemelli piolenc

Firzgerald innocenza

Vichi per nessun motivo

Houllebeck serotonina

Murakami l’assassino del commendatore libro secondo

2019

dicembre 18, 2019

Come un fulmine di guerra (chissà perché questa espressione arcaica mi è venuta a mente) l’anno si sta concludendo

Gli anni 9 sono così importanti che ci ho scritto anche un libro o due sopra

1919 1929 1939 1969 1979 1999

Finalmente il 2019 se ne va

Ed entriamo nel nuovo decennio

Quando entrammo nel 1980 mi sembro’ un passaggio epocale eravamo a Montepaldi stipati in quella piccola stanza e ebbi questa (!!) folgorazione .. gli anni settanta sono finiti

E con loro tante cose

Ora stiamo per entrare negli anni venti … anni venti!!!

Chissà cosa mi porteranno .. dove mi faranno andare .. chi e cosa incontrerò e conoscerò .. quali nuovi posti visiterò ..

Ho riallacciato recentemente un po’ di nodi fili fiocchi con alcuni strati e mattoni del mio cuore.. e se i nodi sono sciolti e I fili spezzati legati insieme don un bel fiocco viola si vive meglio

Spero

Manca ancora qualche altro fiocco da fare

Il 2019

si e’ portato via i miei suoceri a pochi mesi uno dall’altro mamma e’ caduta e si è rialzata anche se diversa da prima

Poca Elba e pochi viaggi e pochi nuovi progetti

(Boston Trondheim Roma Palermo Fuerteventura Glasgow Austria Vienna Ancona Padova Perugia )

Tanti treni

Un nuovo collega ha preso servizio

Si chiude e con trepidazione si apre la nuova porta

Che una renna cinese mi protegga !!