Skip to content

I luoghi del cuore (viva la vita)

luglio 24, 2017

 

1978-2008

un treno che arriva alla stazione e un paesaggio familiare un po grigio di montagna con quei palazzi di pietra e le chiese dell’ottocento… il cuore che balza nel petto.. una serenità felicità gioia che mi pervade.. la sensazione di sapere dove sei che quella è casa che solo lì potrai essere te stessa.. con quel grembiulino bianco a servire cibo a persone di tutta europa a pregare davanti alla grotta ad accendere ceri.. a spingere carrozelle a sederti sul muretto di là dal Gave… e osservare il fiume scorrere e la vita scorrere e sapere che la vita vale la pena di essere vissuta … sempre e comunque (anima infermiera)

1975- 2017

la salita fino all’aia di cacio e poi lo sguardo che si perde verso i monti e le insenature e le isole all’orizzonte e il mare impetuoso e il verde e poi la discesa verso la baia, oppure la discesa verso le feloci, e il bagno nel gange e la fornace e la ballerina e gli oleandri gli eucalipti i pini i ragni la terrazza che guarda le stelle e il mare .. sapere di essere parte di un luogo di un giorno di un anno e vedere gli anni gli amanti gli amici che si susseguono la famiglia che si dissolve le nuove famiglie e tornare sempre li a ricercare e  ritrovare la gioia dell’ora qui (anima tartaruga)

1996-2016

l’autostrada che si snoda lungo l’oceano le palme le onde e lo shoreline la spiaggia infinita l’albero caduto il campus la strada che si snonda verso del playa la mission gli amici i fratelloi le sorelle e una diversa me che ogni volta si ritrova nel roasting cafe’ o semplicemente cammina lungo il mare e sente fragrorose le onde dell’oceano piene di surfisti e di alghe e di petrolio  e il cuore che ti dice ancora eccoti a casa ogni volta che scendi dal bus o dalla macchina (anima dolce)

Altri luoghi si affolano in questi ricordi

1992-1998 via oropa e il poli e piazza vittorio e i murazzi la clio

1998-2016  lo zio e il panellaro di piazza indipendenza e il campus e gli alberi di kapok e il monte cono la moto

1964-1976 la madrepora il fortino il bosco incantato la pineta gli aghi di pino la bici e il ciao

1970-1995 la villa col giardino in mezzo ai palazzi il salotto enorme sopra sotto il garage diventato camera e bagno

e cosi’ tra luoghi dell’anima e luoghi di passaggio mi scorre davanti una lunga vita piena e dico viva la vita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sliding doors ( or slammed doors)

luglio 14, 2017

Recently I had many thoughts about life 

What if….

Many choices or simple events have changed direction to my planned life

You can call them sliding doors because everything could be completely different

Sometimes it is you that have slammed the door  and changed direction .. sometimes somebody else did it on your face

In any case I am what I am as a consequences of all these changing paths

My life line on my hand is not linear but Very crossed 

Looking  back to my 57 years I can see now why!!!

I have lived in 4 cities in Italy and 2 in us Sometimes at the same times I have had three houses

I have changed friends activities topics colleagues so many times!!

But always with passion and love!!!

I have been the founders of various activities .. 

I have a lot of families and friends around the world

what if… what if is a boring very boring question …

57 is a great number !!!

Happy birthday Laura !!!  

Nidi

giugno 27, 2017

Corro nei sogni

Rincorrendo vecchi nidi 

Oasi di pace perse nei meandri del tempo

Cerco momenti di passaggio

in cui i vari nidi si sono rotti

Spazzati via dal vento delle situazioni 

Ne Ricostruisco di nuovi 

Li difendo dalle intemperie 

E torno a perderli

Cerco dentro me

l’unico nido possibile

Che accomuna

 mura camere letti quadri coperte segni 

in un unica poltiglia di frammenti commisti 

Lo trovo 

e mi ci accoccolo 

aspettando che mamma chioccia mi nutra 

Apro il becco nell’attesa del cibo dell’anima 

Poche Briciole d’amore 

Live/love music / books /art

giugno 5, 2017

Ascoltando il concerto live in Manchester organizzato da ariana grande per la raccolta fondi in favore delle vittime dell’attentato e per ribadire che la musica e L amore batte il terrore mi sono finita il libro ninfee nere di Michel bussi

Mi e’ piaciuto molto la trama il trucco che non voglio spoilerare e queste descrizioni del paesino francese dove ha vissuto monet e le due ninfee

A volte ritorna

maggio 25, 2017
tags: ,

E cosi come se ne era andata la poesia lieve leggera impercettibile ha cominciato a sussurrare piccole parole

Piccoli tocchi all anima che scuotendo allargavano il respiro

Come vagiti venuti dal nulla

Come lontanissimi eco di emozioni sopite

Non ancora spente

Fiammelle dentro la cenere che ricopre pesantemente il tutto

Fiammelle frammenti schegge che bruciano e inondano di torpore il tempo della morte fredda e glaciale

La poesia addormentata nel silenzio dei giorni non ha gridato non ha urlato non ha riempito incessante straripando e tracimando come un tempo

Ha solo ringraziato gentilmente mentre l’ascoltavo

Sorridere

Quell’accenno di sorriso che fa gioire al mattino senza nessun vero motivo

Poesia che sorride scoprendo di non essere ancora morta del tutto e inonda di un pallido colore il bianco cinereo dell’oggi

Il fustino del dixan

maggio 22, 2017

Ogni mattina passo dal lato fortezza che va al binario 16. Ora da lì partono tutti i pullman di lunga percorrenza .. ci sono i turisti americani o indiani gli studenti che prendono flixbus quelli che aspettano il bus per L aeroporto di Pisa o di Roma o di Bologna ci sono gli albanesi o romeni o altro ..che aspettano un bus che fa  il giro del mondo e li porta a casa…

Questi sono quelli che hanno tanti pacchi colmi di  trapunte o di ‘beni di ‘lusso’ che evidentemente costano troppo dalle loro parti  … regali per i parenti lontani

Stamani uno aveva un forno da incasso !

E incredibilmente molto avevano dei mega fustini Dixan!!

Mi chiedo quanto deve costare il sapone dalle loro parti? Forse il mega fustino era vuoto e pieno di altro?

Ma siccome ne ho visti molti  di questi fustini dixan il dubbio di esportazione illegale e contrabbando di sapone Dixan mi e’venuto.

Mi immagino il viaggio di queste persone che mandano ai parenti rimasti a casa e portano con se di tutto e mi chiedo se comprare su Amazon non fosse più conveniente.

Non ci arriva Amazon ?

Mi immagino ancge in che condizioni arriverà il forno s incasso che non era nella scatola era usato .. forse trovato a qualche cassonetto buttato da italiani spreconi

E così arrivo sopra al binario 16 e trovo invece la fila di turisti stranieri.. rigorosamente in fila.. saranno stati mille che alle 6.30 di mattina comprano un biglietto per un bus turistico che li porta nel Chianti o a vedere la torre di Pisa o a Siena..

E proseguo verso il mio treno fatto di pendolari in giacca e cravatta che  armati di cellulare e iPad vanno verso Milano….

Pursue of happiness

maggio 17, 2017

Ho letto stamani un articolo di psicologia che parla di infelicita’ e dei 

Sette pilastri dell’infelicita’

Cercando di invertire il ragionamento 

La felicità e’ essere aperti a quello che verrà , non preoccuparsi troppo, lasciar correre, non guardare  gli altri, vivere nel presente sognando cose belle per il futuro, concentrarsi su quello che va bene ..

Etcetc

Penso a quella pubblicità di un negozio di elettrodomestici che parlava di

L’ottimismo e’ il sale della vita 

Poi ci vuole anche un po’ di pepe e di olio e la fettunta e’ perfetta

Yet an other journey is starting on this life train!