Vai al contenuto

Podcasts

novembre 26, 2018
tags:

Nuove forme di comunicazione

Nel 2006 lamia amica e collega Letizia mi porto a un incontro a Viareggio

Si chiamava Donnaweb

Mentre eravamo la parlando di blogs fui incoraggiata da lei che aveva scritto anche un libro a scrivere e cominciai ad aprire un mio blog

Il blog era allora un luogo di scambio molto attivo su molti temi

Il blog era su una piattaforma splinder che fu venduta comprata e poi chiusa

Riuscii a recuperare molte delle cose scritte ma non le foto e le musiche e aprii

Questo blog qua

Recentemente sempre Letizia mi ha invitato a partecipare a una intervista sul suo podcast ma poiché ridere non sono riuscita a dire nulla

Ho deciso poi di aprirne uno mio e di raccontare piccole storie di musica e anni settanta

Ho cominciato con storie tratte dalla memoria

Anche se presto penso che racconterò anche storie inventate

Il mio podcast e’ sulla piattaforma Anchor e poi si può accedere anche da altre piattaforme come spotify

Sono solo parole

Ma la mattina (come ai tempi del blog) ogni mattina mi viene in mente un episodio e lo penso lo scrivo e poi lo registro

Ho intitolato il podcast

I settanta di lagiarre

https://open.spotify.com/show/4i89neKD3Pw21aBhvpGWfO?si=9HS4yR_ERHKd97kotzHpbA

Lo potete trovare anche

Qui

https://anchor.fm/lagiarre

Sono nuovi modi di comunicazione e .. noi li esploriamo ..

Annunci

Past or future

novembre 24, 2018

Quello che e’ stato e’ stato

I thanksgiving a Santa Barbara o a Boston

Il volontariato

I soccorsi ai terremotati

Palermo o Torino

La startup

La fondazione

L’mit

Quello che e’ stato e’ stato e non torna più

Il babbo Che mi viene a rimboccare le coperte

Sciare per ore

Il calore dentro di un amore

Una nuotata fino alla punta

Quello che e’ stato e’ stato

Ora cosa ci e’ di nuovo?

O di vecchio?

O di riciclato ?

Salviamo qualcosa e.. guardiamo avanti

Avanti..

CRESCENDO (incipit)

ottobre 29, 2018

imagesdownload (1)limousine_e_palazzi_di_sabbiadepositphotos_186169068-stock-photo-wall-mullioned-windows-lava-stoneimages (1)

CRESCENDO

Ogni mattina sul treno la mente le si affollava di ricordi.

I Ricordi,

i mattoni su cui poggiava quella che era diventata,

erano così tanti che a volte pensava di

avere intere città, palazzi, ville strade, affollati di gente che

parlava tante lingue diverse,

e che per  uno strano motivo continuava ad abitare quelle vie della sua

memoria.

Tutti quei mattoni,

rossi come quelli delle case di Boston,

di cemento armato,

di pietra serena, come quelli di Firenze,

di lava, di sabbia,

erano pieni di vita,

molto più vivi,

del quotidiano incontro.

Sul treno, ogni giorno,

vedeva gli stessi volti, il gruppo di infermieri che da Firenze

andavano a Bologna, una signora bionda, due professionisti

che con riserbo le facevano un cenno del capo,

A., l’informatico che dalla Colombia ora lavorava  in Italia,

aveva famiglia a Firenze, e pendolava su Parma, con

cui aveva fatto amicizia  e con cui prendeva a corsa il regionale

da Bologna.

Poi sulla via di ritorno, spesso si sedeva

vicino a G., che abitava a Poppiano, e ogni giorno pendolava con Milano,

sedendosi sempre nel posto 2C della carrozza 11.

Spesso parlavano di ricette, di

campagna, di Milano o di Firenze.

La sua vita era ora popolata  da questi incontri.

A volte trovava A.

Laura e A. si erano conosciuti ai tempi della fine dell’università.

Lui si stava laureando e lei era già all’inizio del dottorato.

Per arrotondare avevano scritto insieme un programma

per una agenzia immobiliare, per gestire gli annunci, un database.

Da allora (inizi anni novanta) non si erano più incrociati.

Solo una volta per caso, in occasione della  laurea del nipote, al bar dell’università.

Poi, dato che  lui lavorava a Bologna, spesso facevano il viaggio insieme.

Cosi, si erano ritrovati dopo quasi trent’anni, come se gli anni non fossero mai passati,

solo scivolati in un battito di ciglia.

Insieme, parlavano di cibo, di pensione, di

moto, di ferie, e si consigliavano film e serie da guardare su Netflix.

I mattoni continuava a crescere incuranti,

con scale segrete che da un

palazzo del 1990 facevano irruzione nel 2018.

Un’altra scala segreta, un giorno,  le aveva fatto incontrare L.,

un suo un compagno di scuola delle medie e del liceo di

cui lei non ricordava niente, né il nome, né la persona.

Non era la prima volta che qualcuno le parlasse di lei,

del suo passato, e lei nel marasma dei palazzi che le affollavano la memoria,

avesse perso la scala, le porte che conducevano a quell’appartamento.

Luca si occupava di ricerca in ambito agrario, e lavorava a Bologna

in un istituto di Ricerca. Quando si incontravano,

si sedevano vicini e parlavano di politica,  del futuro nero dell’Italia, di

ricerca scientifica.

Non era la prima volta che Laura non fosse riuscita a trovare la porta di un palazzo.

Più di una volta era stata contattata da persone del suo passato di cui

lei non aveva nessun ricordo.

Spesso succedeva su Facebook.

Un giorno, C. le aveva chiesto l’amicizia. Dopo, si erano

messi a chattare su Messenger.

Claudio era stato un suo compagno di classe per un

anno, in quarta elementare. Quarta elementare!

Anno scolastico 1969-1970, 49 anni prima!

Parlando, Claudio le avere raccontato di sè, faceva

il liutaio e il fotografo.

Dopo vari scambi  di notizie, e di attualità, Laura, che non

aveva la più pallida idea di chi fosse la persona con cui

stava parlando, ma che  sicuramente era stato suo compagno di classe,

troppi erano i riferimenti comuni,

a un certo punto gli chiese cosa mai si ricordasse di lei,

anzi gli chiese qualcosa di più, chi era la bambina che solo nel suo ricordo

era rimasta viva.

Lui cominciò allora  a parlare di quella bambina, come

se la scala per entrare in quel palazzo fosse per lei aperta  da sempre.

“Laura era una bambina con un bel sorriso, che sorrideva a tutti senza pregiudizi.”

Anche a lui, bambino problematico e forse dislessico o con disturbi di apprendimento,

che nella società degli anni sessanta, non era capito né accolto

da una maestra elementare che metteva in competizione i bravi e li

stimolava a dare il meglio, che richiedeva un livello che solo alcuni, tra cui lei, avevano.

Laura era stata una bambina che aveva imparato a leggere e fare di conto da sola,

molto prima di andare a scuola, molto presto.

Era tra i primi della classe e particolarmente portata per la matematica.

Vinceva sempre la gara a chi consegnava prima il risultato

degli esercizi, facendo la corsa con Stefano.

Laura era però anche una bambina empatica, sensibile,

e aveva un sorriso per tutti, senza distinzione.

Non ci erano maschi o femmine, amici, nemici, bravi o ciuchi.

La sua empatia le faceva sentire la sofferenza degli altri, e il suo

istinto, le faceva donare l’unica cosa che aveva, il suo sorriso.

Di questa Laura, di questa bambina sorridente, pochi sono i ricordi

che ha conservato,  perché cosa siamo davvero,

si riflette solo in come siamo con gli altri,

e nelle scale segrete dei loro palazzi.

Crescendo, le scale si chiudono, alcuni palazzi crollano, o rimangono oscurati

dalle nuove costruzioni.

 

Somewhere

ottobre 18, 2018

Somewhere

Over the rainbow

My soul is

hiding

Ducking

Waiting

Somewhere

Killing people

ottobre 15, 2018

I’ve learnt to kill people

Killing people means cancel them

wipe them out

From my soul and life

Killing people do not mean to ate them but

not to have any kind of relation

Once, more than once,

in the past I’ ve been erased and terminated by others

It took many years to understand that this a way of surviving

You kill people that are angry at you

You kill people that are toxic to you

You kill people that you forget or you lost interest in them

Killing people you grow and make space for new people

Or simply you remain alone

Killing people is like decluttering your closet

You remove old stuff and keep only the good ones

But if I look at my closets I see too many things

Maybe I am still learning !

Slipping away

ottobre 10, 2018

When you think you have reached what you were expecting since ages

When your feelings are satisfied

You start looking around and everything is slipping away

Again

You ask to yourself what’s next

But no new projects are coming to your mind

You face the emptiness

Full of emptiness

No passion

No interests

No newness

The boredom kingdom

Grey boring future

Most of the strings attaching you to the past have been cut

Rescinded

What’s next then to replenish this emptiness

Light

ottobre 1, 2018

Quella sensazione di leggerezza

Che mi prende quando alla cinque di mattina

Il taxi mi aspetta

Per portarmi a peretola

Il viaggio

Dimensione di vita

Il trolley marrone

E..

Non importa la destinazione

Non importa se e’ boston se e’ Santa Barbara o solo Palermo

Un viaggio e’ un ponte tra qui ora e la

Tra laura diverse

Tra vite alternative

Vari universi

E nel mezzo

Il nulla

Tempo sospeso

Per pensare

Per osservare

Per lasciare parlare il cuore

Vagare nei meandri

Sensazioni antiche

Tempo fuori luogo

Luogo fuori tempo